Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Bergamo e Brescia-

Sito della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Bergamo e Brescia-compiti istituzionali




[ Torna su ]

compiti istituzionali

Lo Stato Italiano, ai sensi di quanto stabilito dalla Costituzione della Repubblica Italiana, art. 9, … promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione. L'esercizio di tale tutela è affidato al Ministero per i Beni e le Attività Culturali che attraverso i suoi organi, di cui questo ufficio è parte, ne svolge le azioni. 

Individuazione dei beni
Per individuazione dei beni di interesse, questa Soprintendenza, ha istituito un suo specifico Ufficio Catalogo e vincoli che svolge una costante azione di monitoraggio del patrimonio del territorio. Ciò avviene secondo le direttive impartite dal Soprintendente , in collaborazione con gli Uffici territoriali.


Tutela dei beni architettonici
Questa Soprintendenza interviene direttamente con lavori di restauro e di mantenimento dei beni di proprietà pubblica o ecclesiastica. Ciò avviene attraverso i fondi disponibili, affiancando il Ministero nella elaborazione di documenti di programmazione.
Gli interventi effettuati direttamente sono individuati dalla Soprintendenza che stabilisce le priorità sul territorio, in accordo con la Direzione Regionale per i Beni Culturali e per il Paesaggio della Lombardia.
In generale, l'esecuzione di opere e lavori di qualunque genere (Codice dei beni culturali e del paesaggio, D. Lgs 42/2004, art. 21) su beni architettonici sono subordinati ad Autorizzazione che viene rilasciata dal Soprintendente. Per ottenere la suddetta Autorizzazione il proprietario del bene deve farne esplicita richiesta presentando un adeguato progetto (cfr. la nota relativa alla documentazione).
I Responsabili del Procedimento, che istruiscono le pratiche, sono organizzati secondo zone di competenza (uffici territoriali).


Tutela dei beni paesaggistici
La tutela dei beni paesaggistici viene esercitata dalla Regione e, quando la legge lo prevede, dalle Province e dai Comuni.
Questa Soprintendenza ha, in via transitoria secondo quanto previsto dal Codice, il potere di controllo sugli atti emessi dall'ente preposto alla tutela. Tale controllo si esercita attraverso la possibilità di annullare il provvedimento stesso (Codice dei beni culturali e del paesaggio, D. Lgs 42/2004 art. 156). 

Valorizzazione
Tra i compiti istituzionali di questo Ufficio riveste un ruolo primario la valorizzazione dei beni architettonici e paesaggistici. Ciò avviene attraverso di attività culturali ad ampio raggio. La Soprintendenza oltre a diffondere attraverso pubblicazioni i valori dei beni del proprio territorio di competenza, promuove ed effettua nel suo ufficio indagini conoscitive che vengono divulgate attraverso mostre, convegni ed altre iniziative.




[ Torna su ]