Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Bergamo e Brescia-

Sito della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Bergamo e Brescia-Home Page




[ Torna su ]

GIORNATE EUROPEE DEL PATRIMONIO 2014 - 20 E 21 settembre

immagine per GIORNATE EUROPEE DEL PATRIMONIO 2014 - 20 E 21 settembre


PALAZZINA GONZAGHESCA, BOSCO DELLA FONTANA SABATO 20 SETTEMBRE 2014

ORARIO VISITE 10.30 - 11.30 - 14.30 - 15.30


Il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo anche quest'anno aderisce, insieme agli altri Stati Europei, alle Giornate Europee del Patrimonio 2014, ideate nel 1991 dal Consiglio d'Europa e dalla Commissione europea con l'intento di potenziare e favorire il dialogo e lo scambio in ambito culturale tra i Paesi europei. In Italia la manifestazione avrà luogo il giorno sabato 20 e domenica 21 settembre 2014. A questa festa europea, il MiBACT partecipa con appuntamenti, organizzati dai propri Istituti centrali e territoriali che, per l'occasione, aprono gratuitamente al pubblico tutti i luoghi d'arte statali, che comprendono il patrimonio archeologico, artistico e storico, architettonico, archivistico e librario, cinematografico, teatrale e musicale. La Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le province di Brescia, Cremona e Mantova rende noto che, in occasione dell'evento, esporrà il materiale illustrativo della mostra fotografica realizzata da ragazzi e docenti del Liceo "Pietro Giannone" di Caserta, già ospitata nel Centro Culturale Sant'Agostino di Caserta il 12-18 luglio 2014. "Il Belvedere di San Leucio da locus amoenus del principe Acquaviva ad utopia borbonica" rappresenta l'argomento conclusivo dello studio sugli edifici costruiti dagli Acquaviva a Caserta (1509-1634) svolto, nel corso di cinque anni, dagli alunni della V B, ultima classe del Corso Sperimentale di Storia dell'Arte del Liceo Classico "P.Giannone" di Caserta. L'attività di ricerca di alunni e docenti collega il maestoso Belvedere di San Leucio, casino di caccia del principe Andrea Matteo Acquaviva d'Aragona, principe di Caserta, con la Palazzina Gonzaghesca di Bosco Fontana a cui potrebbe essersi ispirata l'ideazione del progetto originario del Belvedere, dotato di quattro torrini-scala, collocati negli angoli della pianta quadrata, demoliti dal Vanvitelli nel 1765. La lettura dei documenti d'archivio suggerisce l'accostamento di costruzioni situate in territori molto distanti e consente di relazionare tra loro la cultura e l'arte espresse dalle corti italiane in un ampio scenario di rapporti e scambi tra famigli nobili. La mostra, dal titolo "Acquaviva versus Gonzaga", organizzata in collaborazione con il Centro Nazionale Biodiversità Forestale "Bosco Fontana" e naturalmente con il Liceo Giannone di Caserta, si svolgerà in data 20 settembre 2014 nel loggiato e nelle sale della Palazzina Gonzaghesca di Bosco della Fontana a Marmirolo (MN), casino di caccia dei signori di Mantova ubicato all'interno della Riserva Naturale Statale di Bosco della Fontana, proprietà del Corpo Forestale dello Stato. L'iniziativa rientra nell'ambito del Protocollo d'Intesa stipulato, nell'ottobre 2010, tra la Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Brescia, Cremona e Mantova e il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, Ufficio Territoriale Biodiversità di Verona, per lo sviluppo di attività nel campo della valorizzazione culturale della Palazzina gonzaghesca nella riserva Naturale "Bosco Fontana" (Marmirolo - MN). La Soprintendenza di Brescia, attraverso azioni di tutela istituzionale sui beni architettonici presenti nella Riserva, è impegnata a sviluppare insieme all'UTB di Verona, qualificate iniziative con l'obiettivo di promuovere la fruizione e la qualificazione storico-artistica dell'importante complesso monumentale di Marmirolo.


Lo stesso giorno la villa sarà aperta al pubblico e sarà accessibile attraverso visite guidate gratuite a cura della Soprintendenza di Brescia alle ore 10.30, 11.30, 14.30, 15.30. Le visite non prevedono prenotazione (per informazioni telefonare allo 030 28965254).


[ Torna su ]